TeatroSelinus_low

La Stagione ProsaDanza 2018/2019 Teatro Selinus

La Stagione 2018-2019 del Teatro Selinus: Un viaggio tra classico e contemporaneo attraverso la prosa e la danza, con drammaturgie da Camilleri a Pinter.

Domenica 28 ottobre alle ore 17.30 si inaugura la Stagione di teatro e danza del Teatro Selinus con lo spettacolo “GI GAN TI”, progetto e regia di Lia Chiappara, tratto da “I giganti della montagna“ di Luigi Pirandello. La stagione proseguirà con altri nove spettacoli fino alla primavera 2019.

«La stagione 2018/2019 del Teatro Selinus – dichiarano i direttori artistici Beno e Luca Mazzone – rispecchia l’idea di un teatro pensato per la comunità che permette al territorio di confrontarsi con la drammaturgia, con i classici e con la danza contemporanea. Un Teatro Pubblico che svolge una funzione di formazione e di coscienza, luogo d’incontro e scambio di idee, di opinioni, che mette in connessione i giovani con i temi della Cultura, dell’impegno e della coscienza civile». Teatro Libero in questi anni ha immaginato un nuovo modello di teatro dei territori, di teatro comunale che svolge una funzione pubblica promuovendo una forte sinergia con gli enti locali, che rimette al centro il valore educativo del Teatro. «Ecco perché da anni – continuano – la programmazione del Selinus ha un’importante sezione dedicata al progetto scuole, con momenti di riflessione, di dibattito, di visione degli spettacoli e di successivo approfondimento».

La stagione, attenta alla divulgazione e alla formazione del pubblico, alterna un fitto e ricco percorso per le scuole, portando a Castelvetrano interessanti produzioni della scena nazionale e internazionale, con una forte attenzione alla riscrittura di classici e alle nuove drammaturgie. La programmazione spazia da Maruzza Musumeci di Andrea Camilleri, per la regia di Daniela Ardini, che narra d’amore e di vendetta, di magia e di favole attraverso un’antica leggenda rivisitata e sospesa tra mito e racconto popolare, al poema disperato Penelope della Compagnia Scena Nuda di Reggio Calabria, fino a L’amante di Harold Pinter a firma Teatro Akròama, passando per la danza della compagnia Svizzera di Tiziana Arnaboldi con Danza e Mistero, e poi ancora Come sono diventato stupido di Teatro Binario 7 di Monza e Chaos – Humanoid B12 della Compagnia Il Mulino ad Arte di Torino. Diversi sono inoltre gli spettacoli prodotti dal Teatro Libero e inseriti nel cartellone del Selinus: Prof! del drammaturgo belga Jean Pierre Dopagne, per la regia di Alberto Giusta, che narra la storia di vita di un professore davanti al Ministero di Giustizia, poi Fratellini di Francesco Silvestri, prima produzione dell’artista residente per il triennio 18/20, che indaga il tema della malattia e del dolore, proseguendo con la riscrittura del mito di Medea per mano di Laurent Gaudé con Medea Kali, per la regia di Beno Mazzone. La stagione non prevederà soltanto spettacoli, ma un coinvolgimento complessivo del territorio, degli artisti del territorio, e delle comunità. Infatti, Francesco Silvestri condurrà un laboratorio di scrittura drammaturgica rivolto a coloro che vogliono scoprire i meccanismi della scrittura teatrale. E poi, nel corso dell’anno si svolgeranno dei progetti di residenza con giovani compagnie, con l’obiettivo di creare eventi di formazione ed educazione del pubblico e di coinvolgimento della comunità.

Come d’abitudine sarà proposto un abbonamento per la stagione domenicale a 10 spettacoli ad un prezzo simbolico di 4 € a spettacolo per gli under 30 e over 60 e diverse tipologie di abbonamenti per gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado.

Abbonamenti e Biglietti:

L’abbonamento a 10 spettacoli è sia intero: 60 euro, che ridotto under 30 e over 60: 40 euro
Biglietto: posto unico 12 euro.
Informazioni e prenotazioni si possono richiedere ai numeri 091.6174040 e 360.549523
Teatro Selinus – Piazzale Carlo D’Aragona, 7, 91022 Castelvetrano (TP)

CartellonePROSADANZA-SELINUS1819

BrochureSCUOLESELINUS-1819