PresenteFuturo 2017

PRESENTE FUTURO 2017

The more you dance the more you get

The more you dance the more you get

Un Festival internazionale attraverso i confini e i linguaggi della scena
International performing arts festival and prize – Edizione 12.1
dal 23 al 27 maggio 2017 – Teatro Libero Palermo

 

Due prime nazionali fuori concorso e dodici corti scandiranno la dodicesima edizione di Presente Futuro 2017 che, da quest’anno, si trasforma in giovane festival internazionale e premio delle arti performative, dedicato a quei percorsi artistici che si pongono all’incrocio tra più linguaggi della scena. Artisti internazionali provenienti da Francia, Spagna, Svizzera, Cipro, Tunisia faranno parte di un progetto che guarda con forza al meticciato artistico e al superamento dei confini di genere, di cultura e di lingua. Un premio che permetterà al progetto vincitore di ottenere, oltre ad un gettone in denaro di mille euro, una settimana di residenza di creazione presso il Teatro Libero, oltreché la partecipazione, con la versione short del progetto, al Be Festival di Birmingham del prossimo luglio. Il via il 23 maggio, alle ore 21,15, con il primo spettacolo fuori concorso in prima nazionale: “El Agitator Vortex” della Compagnia spagnola Cris Blanco di Barcelona. Progetto realizzato con la collaborazione e il sostegno dell’ Instituto Cervantes di Palermo. Uno spettacolo che indaga il linguaggio del cinema attraverso il teatro e il linguaggio del teatro attraverso il cinema; si prosegue il 24 maggio con il secondo spettacolo fuori concorso, in prima nazionale, della compagnia franco-tunisina Selim Ben Safia, “Sur le pas de ta porte”, un lavoro incentrato sul tema del coraggio, sul concetto di casa, e sul tema del confine.

Poi, dal 25 al 27 maggio, dalle ore 20, le tre serate dei progetti in concorso: quattro progetti a sera per tre sere; dodici corti ai bordi della danza, del teatro e della performance, che si contenderanno un premio e che saranno giudicati dalla commissione internazionale composta dal prof. Guido Di Palma dell’Università La Sapienza di Roma, Daniela Cecchini – critico di danza del Giornale di Sicilia, Nicola Fano – Critico teatrale, Atxarte Lopez de Munain – programer del BE FESTIVAL, Beno Mazzone – direttore del Teatro Libero, Jean-Pierre Sag – professore della Sorbonne di Parigi, Guido Valdini – critico de La Repubblica e Toméo Verges – coreografo.

Giovedì 25, andranno in scena dalle ore 20: “Un po’di più” di Lorenzo Covello e Zoé Bérnabeu, progetto selezionato perché vincitore del Minimo Teatro Festival 2017, che analizza le diverse declinazioni dell’amore nella vita; poi “2001: Odissea sulla Terra”, di Gianni Spezzano della compagnia Cerbero Teatro di Latina che indaga l’Italia degli ultimi vent’anni: da Berlusconi al G8 di Genova, dall’11 settembre all’avvento dell’euro; la performance partecipativa “M2” di Dynamis, prodotto con il Teatro Vascello di Roma, che coinvolge il pubblico attraverso un gioco sul concetto di confine; infine, “The more you dance the more you get”, performance di Evie Demetriou, coreografa e performer di Cipro il cui lavoro mette al centro il corpo e il suo essere merce di scambio, di sfruttamento anche sessuale.

La seconda serata, venerdì 26 maggio, vedrà in scena, dalle ore 20.00, “Girl is a gun” di Nina Negri e Isadora Pei del Collettivo AjaRiot e Kolektiva Esperanto di Torino, che parla di sessualità, rovesciando l’immaginario collettivo sul mondo del sex-workersM; poi “Retiro” di Lucia Guarino, compagnia Simona Bertozzi, che riflette sullo spazio: privato, pubblico, e il diaframma tra pubblico e privato. Poi, una esilarante indagine sulla società consumistica dei nostri giorni: “BLACK FRIDAY – la felicità a 9.99 €” ideato e interpretato da Daniele Pennati e prodotto da ZerocommaZeroUno di Monza. La seconda giornata si concluderà con il progetto della compagnia di Marsiglia MEEARI: “Boussole” di Léa Canu Ginoux, una collaborazione con Giovanna Velardi, un lavoro transdisciplinare di creazione e di ricerca che, attraverso tre partiture coreografiche e sonore, riunisce pratiche artistiche, azioni pedagogiche e cittadine.

Sabato 27 maggio, ultimo giorno del festival, il primo progetto in programma è “Lolita” di Silvia Battagli, produzione Biancateatro di Torino in coproduzione con l’Odin Theatre, incentrato su una personale indagine sul tema dell’età/identità e sullo sfasamento tra tempo interiore ed età biologica. Poi, “Dove cielo tocca mare – storia di un sogno senza confini” di Beppe Gromi della compagnia Fabula Rasa, e Black Fabula ovvero una formazione di giovani richiedenti asilo nata nella primavera del 2015, all’interno del Progetto Teatro Senza Confini di Fabula Rasa. Un racconto di immagini e movimento, paesaggi sonori e simboli che dipingono un affresco “in progress” sulle migrazioni di questi ultimi anni, reso attraverso la coreografia di Debora Giordi e la magia della danza tradizionale africana di Alhassane Kone (Guinea Conakry). Poi “Morning sun” della compagnia svizzera di Perrine Valli, giovane e promettente coreografa francese in residenza in Svizzera, che propone un lavoro in duo con Marthe Krummenacher sul tema del desiderio, traendo ispirazione dai dipinti di Edward Hopper, per indagare la relazione tra i corpi e il concetto dell’altro, tra narrazione e astrazione, relazioni interne ed esterne intese come metafora del desiderio sessuale. E, infine, a chiusura del festival, “SIN” coreografia di Mario Coccetti, Compagnia Progetto S, che a partire da un incontro casuale in una balera pone in relazione due perfetti sconosciuti (Salvatore Sciancalepore e Rocco Suma) che, nell’arco di una notte, si vedranno costretti a sviscerare le possibili declinazioni di un legame, nell’incedere ritmico del tango.

Il Festival si avvarrà della collaborazione dell’ERSU e di “Io Studio” per le attività di comunicazione e la logistica, dell’Instituto Cervantes di Palermo per lo spettacolo di apertura, della collaborazione e partnership del Be Festival di Birmingham, del sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Inoltre, il primo progetto in concorso è stato selezionato in qualità di vincitore del “Minimo Teatro Festival”, promosso e organizzato dal Piccolo Teatro Patafisico, di cui il Teatro Libero Palermo è partner per questo progetto.

Info e prenotazioni allo 0916174040. Diverse formule di biglietti: per le prime fuori concorso, un ingresso di €8 con riduzioni per under25 e per gli abbonati con un biglietto ridotto di €5; per le serate del concorso, un biglietto d’ingresso di €10 a serata e un ridotto per abbonati e giovani under25 di €6. Possibilità di acquistare la PF2017 card per tutti gli eventi: intero €25 ridotto abbonati e under25 di €15.

 

IL PROGRAMMA

LE PRIME

Martedì 23 maggio, 21h15
THE VÓRTEX AGITATOR
Cris Blanco
Compagnia Cris Blanco – Barcellona/Madrid

Mercoledì 24 maggio, 21h15
SUR LE PAS DE TA PORTE
Selim Ben Safia
Cie Selim Ben Safia – Tunisi/Marsiglia

PROGETTI IN CONCORSO

Giovedì 25 maggio, 20h

UN PO’ DI PIÙ
Lorenzo Covello e Zoé Bérnabeu
Compagnia Covello Bérnabeu – Milano
Progetto vincitore Minimo Teatro Festival 2017

2001: ODISSEA SULLA TERRA
Gianni Spezzano
regia Cristel Checca e Gianni Spezzano
Associazione Teatrale Cerbero Teatro – Latina

METROQUADRO
ideazione e realizzazione DYNAMIS
prodotto da DYNAMIS e Teatro Vascello Centro di Produzione Teatrale “La Fabbrica dell’Attore” – Roma

THE MORE YOU DANCE THE MORE YOU GET
Evie Demetriou
Produzione En drasi 2016 – Cipro

Venerdì 26 maggio, 20h

GIRL IS A GUN
Nina Negri e Isadora Pei
Collettivo AjaRiot + Kolektiva Esperanto – Torino

RETIRO
Lucia Guarino
Compagnia Simona Bertozzi / Associazione Culturale Nexus – Bologna

BLACK FRIDAY
La felicità a 9.99 €
Daniele Pennati
ZerocommaZeroUno – Monza

BOUSSOLE
Léa Canu Ginoux e Giovanna Velardi
MEEARI – Marsiglia

Sabato 27 maggio, 20h

LOLITA
Silvia Battaglio
Compagnia Biancateatro – Torino
coproduzione Odin Teatret (DK)

DOVE CIELO TOCCA MARE
Storia di un sogno senza confini
Beppe Gromi
FABULA RASA – Avigliana

MORNING SUN
Perrine Valli
Compagnia Perrine Valli – Svizzera

SIN
Mario Coccetti
Compagnia Progetto S / Cinqueminuti – Reggio Emilia

LA RESIDENZA
Dal 12 al 17 giugno 2017
Una settimana di residenza di creazione alla compagnia vincitrice del Festival, dal 12 al 17 giugno presso il Teatro Libero di Palermo. Con il supporto dell’ERSU. 

La giuria internazionale
La giuria internazionale è composta da: Guido Di Palma, Daniela Cecchini, Nicola Fano, Atxarte Lopez de Munain, Beno Mazzone, Jean-Pierre Sag, Guido Valdini, Toméo Verges.

INFO:
Biglietto d’ingresso per le prime: Intero €8 – Ridotto Abbonati e U25, €5
Biglietto d’ingresso per il concorso: Intero € 10 a serata per 4 progetti – Ridotto Abbonati e U25, €6

Card PF2017 per tutti gli eventi
Intero €25
Ridotto Abbonati e U25, €15

Per info e prenotazioni:
Tel + 39 091 6174040
info@teatroliberopalermo.it 

Scarica QUI La Brochure del festival

Mibact     Logo_CittàdiPalermo     logo cervantes copy     BELOGOnoyear     logo_MINIMOTEATROFESTIVAL.FH11   Ersu_imm_logoNew_colore def    logo IoStudio logo ERSU   BELOGOnoyear