ALLA FURCA

allafurcaHo voluto raccontare una vicenda ambientata in un medioevo vago e grottesco rappresentato non da cavalieri, dame e valori cortesi ma da tempi bui e ridicoli. Volevo che tutto si trasformasse in una fotografia sul presente, sulla nostra società. Alla Furca è la confessione di un piccolo potente, un leone di carta che si pente e allo stesso tempo si auto assolve. L’impianto visivo, traslato dal medioevo al contemporaneo, mette in scena la confessione di un pentito, compiuta dentro l’aula di un tribunale. Volevo che il dialetto siciliano diventasse lingua di scena, fondendosi con la musica (di Flavio Riva). Una musica che parte da rumori di catene, da suoni sgangherati di ferraglia. Non volevo che al centro della scena ci fosse un narratore ma una voce solista, un personaggio (interpretato da Salvatore Tringali), simbolo dell’avidità del potere.

«Mangia e bevi!, mi dicono: E sii contento di averne. Ma come posso io mangiare e bere, quando quel che mangio, a chi ha fame lo strappo, e manca a chi ha sete il mio bicchiere d’acqua? Eppure mangio e bevo» (B.Brecht)

testo e regia Orazio Condorelli – con Salvatore Tringali – musiche Flavio Riva – disegno luci Roberto Bonaventura – Fondazione Teatro Tina Di Lorenzo – Noto

 

Date dello spettacolo

23

ore 17.00

febbraio 2020

domenica

Turno abbonati: Turno domenicale - Pomeridiana domenicale